considerando diversi fattori, analizziamo se mettere dei soldi nella casa un buon investimento


la scelta di una casa è stata a lungo considerata un buon investimento. Ma in che modo? Possedere una casa e affittarla potrebbe essere la scelta migliore.

 

 

Hai bisogno di un posto dove vivere e sei stanco di "buttare via i tuoi soldi" ogni mese al tuo padrone di casa. Il tuo acquisto a casa farà un grande investimento, giusto?

 

Dipende.

 

Hai pensato di comprare una casa? Vuoi davvero essere proprietario di una casa o stai semplicemente facendo quello che pensi che la società impone di fare? Vuoi una casa o vuoi un investimento? Cerchi sicurezza o libertà?

 

Ci sono molti articoli che spiegano i compromessi tra l'affitto e l'acquisto, ma questo articolo non è uno di quelli. Questo è per la persona che vuole investire nel settore immobiliare ma non sa se la casa dovrebbe essere dove vivi, una proprietà in affitto o se può essere entrambe le cose.

 

Un buon investimento

comprare una casa è un investimento

Un buon investimento è qualcosa che ti pagherà più di quanto hai pagato per questo. Uno dei più noti autori di finanza personale è Robert Kiyosaki.

 

Gli insegnamenti e i seminari di Kiyosaki hanno generato polemiche, ma le sue definizioni di attività e passività siano eccellenti e molto semplici da capire.

 

Una risorsa è tutto ciò che mette i soldi in tasca. Una responsabilità è tutto ciò che prende denaro dalla tua tasca.

 

Quindi una casa è un buon investimento? La tua residenza personale ti mette soldi in tasca? Papà ricco, papà povero esamina perché le persone considerano l'acquisto di una casa come una risorsa, ma secondo la definizione di Kiyosaki, è una responsabilità.

 

Ogni mese devi pagare l'ipoteca, l'assicurazione, le tasse di proprietà. Anche se la casa viene pagata, stai ancora spendendo soldi per mantenere la casa e pagare le tasse e l'assicurazione. La casa sta ancora prendendo soldi dalla tua tasca.

 

La tua casa potrebbe far sembrare buona la tua scelta, ma la liquidità è bloccata nella casa. Quindi, se effettivamente hai bisogno di accedere a quei soldi, o hai bisogno di rifinanziare o vendere la casa e poi sei tornato ad avere debiti ipotecari o alla ricerca di un posto dove vivere, non è stato un buon investimento.

 

Facciamo i conti.

Immagina di aver finanziato la tua casa da 100.000 euro 30 anni fa a un basso tasso di interesse del 5% e oggi la tua casa è stata valutata a 300.000 euro!

 

Wow, hai ottenuto un rendimento totale del 200%! Che grande investimento, giusto? Per rispondere, dobbiamo guardare oltre il pagamento del mutuo.

 

Più di 30 anni hai pagato  92.422 euro di interessi alla banca. Aggiungi 2000 euro  all'anno per 30 anni per tasse e assicurazioni. Questo è un prezzo totale di 252.422 euro finora.

 

Che dire della manutenzione e delle riparazioni in corso? Una regola empirica afferma che si calcoli l'1% del prezzo di acquisto in manutenzione e riparazioni in corso, quindi ora è necessario aggiungere 1.000 euro  per ogni anno. Ciò porta il grande investimento complessivo a 282.422 euro. Non abbiamo nemmeno tenuto conto dell'inflazione, con una media del 3-4% all'anno.

 

Il rendimento totale del 200%, ovvero il rendimento annuo del 3,7%, assomiglia più a un conto di risparmio forzato dello 0%. Quando alla fine vendi la casa, otterrai un bell'assegno, ma non confonderlo con un investimento, stai solo ottenendo dei soldi che hai messo nel corso degli anni.